Hotel Adlon – Una breve recensione del libro

L’Hotel Adlon è uno degli edifici più noti di Berlino. A più di 100 anni dalla sua costruzione, il suo fascino rimane invariato.

Su questo famoso hotel sono apparsi nel corso degli anni numerosi documentari, film, serie televisive, romanzi e saggi. Di recente è stato pubblicato anche un libro di Felix Adlon, pronipote di Lorenz Adlon, fondatore dell’hotel. C’è ancora grande interesse per questo edificio e per quello che è successo nelle sue stanze. E per un semplice motivo: nella sua storia si riflettono i drammatici eventi della storia tedesca e berlinese.

Il libro di Hedda Adlon

Il libro Hotel Adlon Das Berliner Hotel, in dem die große Welt zu Gast war è stato pubblicato per la prima volta nel 1961. Da allora viene ristampato regolarmente. Come si evince dal sottotitolo, i protagonisti di questa storia sono gli ospiti. Che si tratti di artisti, politici, nobili o criminali, impostori e spie, tutti mostrano il costante cambiamento della società nel corso di diverse generazioni.

Chi meglio della nuora del fondatore per descrivere questi ospiti e il loro legame con la storia di Berlino? Hedda ha sposato il figlio di Lorenz Adlon, che ha gestito l’hotel dopo il padre fino alla fine della sua vita.

I suoi ricordi, in particolare degli anni Venti, del Terzo Reich e della Seconda Guerra Mondiale, ci aiutano a comprendere meglio queste epoche.

Uno sguardo dietro le quinte

I molti aneddoti su questa o quella personalità danno vivacità al testo. L’autrice ricorre con frequenza alla forma colloquiale e la lettura diventa scorrevole e divertente. Il lettore s’ immerge negli eventi descritti e vede i secoli attraverso gli occhi dei personaggi principali.

Apprendiamo dei rapporti amichevoli tra imperatore e Lorenz Adlon. Guglielmo II ha effettivamente promosso la costruzione dell’hotel aiutando l’imprenditore a realizzarne il progetto. In questo hotel di lusso a Unter den Linden l’imperatore vide un ulteriore passo avanti nello sviluppo di Berlino come capitale.

Un risultato gli stava particolarmente a cuore: Berlino non doveva essere in alcun modo inferiore a Parigi e Londra. I personaggi influenti della scena internazionale dovevano dunque sentirsi a proprio agio anche quando visitavano Berlino. E l’hotel riuscì perfettamente allo scopo anche grazie al suo raffinato ristorante.

Per molti anni l’Hotel Adlon fu al centro della vita mondana e i suoi magnifici interni fecero da sfondo a passioni amorose, intrighi politici e scandali. Oltre alle feste e alle cene di gala, si verificavano però anche crimini efferati. L’omicidio di un portalettere nel 1919 fece scalpore e a risolverlo fu nientemeno che l’investigatore Ernst Gennat.

Hedda Adlon racconta con la passione e la precisione di chi ha preso parte agli eventi. In quegl’anni redasse infatti un diario, che in seguito l’aiutò a ricreare nel suo libro le impressioni del momento.

Uno dei celebri ospiti dell’hotel così si espresse in una occasione: “Se non conosci l’Adlon, non conosci la Germania”. Dopo aver letto il libro fino alla fine, non possiamo che condividere il suo giudizio.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.