Camminando tra le rovine della guerra

La seconda guerra mondiale ha lasciato molte tracce a Berlino.

1-sdk-spioncinosuberlino1

Trasmissioni televisive, libri e siti web lo documentano così come mostre permanenti nei musei.

Un passato che non passa

Non trascorre giorno in Germania senza che un documentario sulla seconda guerra mondiale venga trasmesso in tv. Berlino specialmente è al centro dell’attenzione per il ruolo avuto come capitale del Terzo Reich.

I bombardamenti aerei alleati e l’artiglieria dell’Armata Rossa nella battaglia di Berlino hanno distrutto più del 70% delle case. Dalla fine della guerra si è ricostruito molto, si ristruttura e si ridisegna. Nuovi edifici sorgono dove le bombe hanno lasciato il vuoto.

Le tracce dei bombardamenti tuttavia sono rimaste quà e là evidenti.

Memento mori

Alcuni edifici distrutti come la Gedächtniskirche non sono stati ricostruiti dopo la guerra. Sono diventati monumenti perenni delle atrocità commesse.

Come le danze macabre nel Medioevo o il genere della Vanitas nella letteratura e nell’arte dell’età barocca, ci ricordano la caducità dell’esistenza umana. Sono un monito per il futuro per non ripetere più simili barbarie.

Haupt-sdk-spioncinosuberlino1
Berlin Anhalter Bahnhof © Spioncino su Berlino

Tu vedi, dovunque guardi, solo vanità sulla terra.
Quello che uno costruisce, è distrutto domani da un altro,
dove ora vivono città, domani vedrai un prato
e un pastorello vi giocherà con la greggia.

Andreas Gryphius (poeta tedesco, 1616-1664)

Un viaggio nel tempo nella Berlino dilaniata dalla guerra

Non serve una guida turistica per seguire le tracce della guerra a Berlino. Una passeggiata in centro è sufficiente per scoprire le facciate perforate dai proiettili o le statue scheggiate.

Tuttavia vale la pena segnalare alcuni libri nell’ampia produzione su questo argomento: Past Finder Berlin e 111 Orte in Berlin auf den Spuren der Nazi-Zeit.

Entrambi i libri fanno parte di una serie di guide turistiche di successo incentrate su luoghi di importanza storica. Presente e passato si giustappongono e vengono descritti anche luoghi che oggi non esistono più.

Su Berlino furono sganciate più di 45.000 tonnellate di bombe. Le cicatrici lasciate nell’architettura e nella topografia della città non potranno essere mai rimosse completamente.

Seguendo le tracce

Ci sono diversi percorsi sulle tracce della seconda guerra mondiale a Berlino. Particolare effetto suscitano l’Anhalter Bahnhof, il liceo ebraico Moses Mendelsohn (nel cortile sul retro, di fianco alla Sophienkirche), le rovine della Franziskaner-Klosterkirche, la Gedächtniskirche, i fori dei proiettili e le schegge dell’ Altes e Neues Museum e sul Berliner Dom.

Nella galleria fotografica sottostante riportiamo solo alcuni esempi dei molti edifici ancora visibili a Berlino colpiti dalle battaglie della seconda guerra mondiale.

  • Haupt-sdk-spioncinosuberlino1
  • 1-sdk-spioncinosuberlino1

Per leggere questo articolo in tedesco clicca qui o sulla bandiera in alto a sinistra

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.